Il buco più profondo della Terra è stato sigillato dopo che gli esperti hanno scoperto misteriosi fossili

Alla scoperta delle profondità della terra e mari

Su una penisola remota nel nord-ovest della Russia, gli scienziati hanno trascorso decenni a perforare verso il centro della terra. A oltre 40.000 piedi, il loro pozzo è il più profondo che l\’uomo abbia mai fatto. Poi, però, succede qualcosa di inaspettato, e i ricercatori sono costretti a sigillare il loro esperimento per sempre. Non sorprende che l\’uomo sia affascinato da ciò che si trova in profondità sotto la superficie della terra. Da quando il primo satellite artificiale è stato inviato nello spazio nel 1957, l\’uomo è stato anche distratto dall’alto cielo e  non solo dalle profondità della terra.

 

Alla scoperta del fondo della terra

Alcuni ritengono che la nostra conoscenza dello spazio sia ora superiore alla nostra comprensione di ciò che esiste sotto la superficie terrestre. A partire dalla fine degli anni \’50, squadre concorrenti di scienziati americani e sovietici iniziarono a organizzare esperimenti elaborati per penetrare e analizzare la crosta terrestre. Il progetto prevedeva di entrare fino a 30 miglia nella crosta terrestre.

Nel 1958 gli Stati Uniti presero l\’iniziativa con progetto Mohole. Situato vicino a Guadalupe in Messico, l\’operazione vide una squadra di ingegneri perforare il letto dell\’Oceano Pacifico fino a una profondità di oltre 600 piedi. Tuttavia, otto anni dopo il loro finanziamento fu tagliato, e il Progetto Mohole fu abbandonato. Gli americani non arrivarono mai al mantello.

 

Tocca ai sovietici

Poi fu il turno dei sovietici. Il 24 maggio 1970, un team di ricercatori iniziò a perforare la terra sotto il distretto di Pechengsky, una regione scarsamente popolata nella penisola di Kola in Russia. Il loro obiettivo era semplice: penetrare il più possibile nella crosta del pianeta.

I sovietici miravano a raggiungere una profondità di circa 49.000 piedi sotto la superficie terrestre. E, utilizzando attrezzature specializzate, i ricercatori iniziarono a scavare una serie di fori che si diramavano da un\’unica cavità principale. Mentre si facevano lentamente strada verso il basso, i ricercatori americani avevano fatto alcuni progressi per conto loro.

- Pubblicità -