10 strani casi di animali accusati di essere spie

10 strani casi di animali accusati di essere spie

Lo scorso aprile, dei ricercatori norvegesi hanno catturato un delfino bianco che molestava i pescatori locali. Secondo Insider, i ricercatori dell\’Istituto marittimo norvegese hanno concluso che il delfino bianco probabilmente appartiene all\’esercito russo. L\’articolo riportava che “[il delfino] aveva un dispositivo capace di adattarsi alla videocamera GoPro, ed è probabile che venisse usato per riparare apparecchiature di sorveglianza come telecamere e altri sensori marini”.

Se questi mammiferi sottomarini fossero davvero di proprietà del governo russo, non sarebbero i primi animali ad essere addestrati o accusati di spionaggio. Ecco 10 esempi di animali accusati di essere spie.

1. Lo squalo bionico

Nel 2006, la BBC ha riferito dei piani per i ricercatori statunitensi di impiantare microchip nel cervello degli squali per tracciare le navi sottomarine. Secondo l\’articolo, con il supporto della Advanced Research Projects Agency, una delle principali organizzazioni di ricerca e sviluppo sotto il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti, il programma sarà “costruito sugli ultimi progressi nella tecnologia del trapianto di cervello che gli scienziati hanno già controllato il movimento di pesci, topi e scimmie”. Si chiama piano.

Il chip fondamentalmente utilizza le capacità di furtività innate degli animali e i forti sensi subacquei per “guidare” gli squali a distanza per monitorare le navi sottomarine. Finora non è chiaro quali siano i risultati di questo studio.

2. Un occhio celeste

I piccioni hanno una storia lunga e famosa nella guerra moderna. Sono anche famosi per essere stati utilizzati per trasmettere messaggi tra i battaglioni durante la prima guerra mondiale, ma non è tutto. Secondo Smithsonian, il pioniere della moderna scienza comportamentale, B.F Skinner, voleva che questo uccello fosse dotato di un sistema di guida automatico in grado di controllare i bersagli dei missili. Questa idea si è rivelata priva di successo.

Tuttavia, lo stesso articolo riportava che negli anni \’60 e \’70 le truppe statunitensi usavano gli uccelli per prevenire imboscate nemiche. I piccioni sono stati addestrati attivare una forma di registrazione alla vista di un nemico, seguendo la guida di un puntatore laser, e il piano ha salvato le truppe statunitensi da 45 potenziali attacchi di imboscata.

- Pubblicità -